Lavori del futuro in ambito digital marketing, quali sono? A rispondere al quesito ci pensa LinkedIn. Con il suo “Emerging Jobs report” il social del B2B fa una stima potenziale dei mestieri più redditizi del futuro.

Guy Berger: alla scoperta dei lavori più ricercati nei prossimi anni

Introdotto da Guy Berger, uno dei più noti economisti internazionali, il report di LinkedIn illustra lo scenario digitale contemporaneo. Berger spiega quali sono stati i metodi utilizzati nello studio del caso specifico. Usando i dati di LinkedIn è stato possibile fare una stima dei lavori maggiormente richieste sulla piattaforma. Inutile dire come questi siano legati al mondo del digital marketing. Infatti, i ruoli rivestiti dall’intelligenza artificiale e della scienza dei dati (privacy e cloud in primis) continuano ad imporsi sul mercato del lavoro.
Un esempio? L’automazione fattura negli USA ben 1.200 miliardi di dollari all’anno. Essa non comprende semplicemente la robotica. Pensiamo ai servizi di chat bot dei siti e-commerce: se in Italia stanno pian piano emergendo, negli Stati Uniti è ormai un servizio consolidato.

Le figure professionali del futuro: competenze e abilità cercasi

Nonostante l’avanzare di queste nuove professioni, non si può certo affermare che le competenze siano proporzionali all’offerta di lavoro. Sempre secondo il report di LinkedIn, sempre negli USA vi è una carenza di talenti tecnologici.
Un esempio in questo senso potrebbe essere, infatti, il settore del learning management system. Sempre più aziende richiedono servizi di apprendimento online, eppure non vi sono molte figure professionali adeguate che sappiano gestire e manutenere tali sistemi.
Pertanto, i lavori del futuro necessitano anche di adeguata preparazione che le accademie professionali devono fornire quanto prima.

Lavori del futuro: crescita annua

Professioni nuove e lavori emergenti

Trattandosi di dati di stima poiché proiettati nel tempo, non vi è grande certezza. Quel che è certo sono cinque figure che emergono dalle statistiche del report. Cerchiamo di fare chiarezza ed analizziamo brevemente le professioni più richieste.

  • Data scientist. Lo specialista dei dati si occupa di quelli che vengono definiti come “big data”. Pertanto comprendono in grande parte i dati informativi su account digitali. Tale settore registra una crescita annua del 37 percento ed è una professione che cresce in qualsiasi settore.
  • Customer Success Specialist. Con una crescita annuale del 34%, questo nuovo mestiere riveste un ruolo essenziale nel settore IT & software. Questo lavoro è un insieme di competenze con il fine di comprendere la tecnologia e gestire le relazioni con i clienti.
  • Sales Development. Questa professione è impegnata a far crescere nuove relazioni in ambito commerciale, gestendo sia i clienti già acquisiti che i nuovi. La sua crescita è continua (34% annua), e si orienta verso i settori dei servizi digital e tecnologici.
  • Chief Revenue Officer. Tale professione è completamente inedita. Nonostante tutto, ha una forte prospettiva futura. Un chief revenue officer si pone in mezzi fra il marketing ed il ramo “sales” delle aziende. Lavora affinché cresca l’utile aziendale. Al momento, ha una crescita annuale del 28 percento.
  • Product Owner. Questa figura professionale è un ibrido fra sviluppo commerciale e ingegneria. Nonostante non necessiti essere ingegneri, è un lavoro trasversale con l’obiettivo di dedicarsi alla messa sul mercato del core business aziendale. Ad oggi, ha una crescita annuale del 24 percento ma è destinata a crescere.

Lavori emergenti in Italia

Benché il report di LinkedIn sia accurato, non presenta i dati riguardanti l’Italia. Stimando che il report riguardante la nostra Nazione debba uscire nel mese di dicembre 2020, è bene avere come punto di riferimento questo rapporto. Come la storia ci insegna, infatti, è essenziale guardare con interesse a ciò che accade alle nazioni più avanzate della nostra soprattutto se sono gli USA.
Proprio per questo, tutte le aziende e soprattutto quelle che lavorano nel marketing devono avere a mente come potrebbe muoversi il mercato nei prossimi anni per prepararsi ai lavori del futuro.
Questo, in fin dei conti, potrebbe essere solo l’inizio di una rivoluzione annunciata.

Fonte: Linkedin, “Emerging Jobs report 2020”