Digital pr cos’è in realtà? Come si pone nell’evoluzione del mercato del 2020, sempre più orientato al marketing? In questo articolo vi spieghiamo non solo cos’è il digital PR, ma soprattutto perché è fondamentale per il digital marketing.

Digital PR: cos’è

Abbiamo già discusso di quanto il Coronavirus abbia influito sul mondo digital e del mercato online. Infatti, abbiamo già discusso di come l’e-commerce in Italia abbia avuto un aumento del 26 percento. In questo senso, il settore del digital marketing sta vivendo una sua evoluzione che potrebbe non conoscere freni. Secondo alcuni studi statistici eseguiti dagli esperti del settore, rilevati da Talkwalker, nel prossimo futuro ben 121 miliardi potrebbero essere impiegati per implementare ulteriormente il marketing ed i mondi a lui affini. Fra questi spicca fra tutti il digital PR. Come per i canali tradizionali, anche il versante digital delle pubbliche relazioni segue la stessa mission: collegare un brand alle attività esterne dell’azienda. In aggiunta, però, i professionisti del settore stanno ormai navigando sulle onde del mercato del web.

Gli obiettivi delle pubbliche relazioni: influencer marketing

Strettamente legato al mondo delle digital PR vi è l’influencer marketing. Considerato  il canale principale per le PR dell’Europa del Sud, l’Italia è fra le prime nazioni a “farne uso” (91%). Nel praticare l’influencer marketing, in Europa il 48% dei professionisti utilizza strumenti professionali. Anche in questo caso, l’Italia ha il tasso più alto (72%) preceduta solo dalla Francia (75%). Praticando l’influencer marketing, le digital PR utilizzano tutti gli strumenti a loro disposizione: in primis social media management (77%) e content marketing (77%). L’obiettivo non cambia: connettere un brand aziendale con il mercato esterno. Per questo, cambiando le tecnologie del mercato cambiano anche gli strumenti.

digital pr: influencer marketing

Digital pr: influencer marketing (dati e strumenti)

Gli strumenti del digital PR

Nonostante strumenti e tecniche cambino, non è detto che tutte le nazioni siano pronte al cambiamento. Sempre secondo lo studio condotto da Talkwaler, l’Europa del sud si dichiara favorevole al cambiamento solo per il 40%. Nello specifico, l’Italia è fra le nazioni più “convinte” a cambiare (per il 24% favorevole) preceduta nuovamente dalla Francia (favorevole per il 27%). Strano a dirsi, la nazione più restia al cambiamento è la Germania (favorevole solo per il 18%). Nello specifico, cosa si intende per cambiamento? Nell’ambito delle digital PR, il cambiamento è rappresentato dal “social listening”. Intercettare, e in certi casi assecondare i gusti e le tendenze dei consumatori/clienti, è alla base dell’ascolto sociale 3.0. In tale ambito, i professionisti delle digital PR devono utilizzare tutti i loro mezzi a disposizione: dalla copertura di tutti i canali social (49%), all’analisi dei trend e delle tematiche emergenti (42%) fino alla creazione dei report (41%). Proprio per questo, la figura delle pubbliche relazioni digital sono sempre più preziose ed è per questo che è essenziale investire.

digital pr: social listening

Digital pr: Social listening (dati e strumenti)

Investire in digital PR: decreto “Cura Italia”

Nel decreto denominato “Cura Italia”, per arginare la crisi economica dettata dal Covid-19,  è previsto un intervento proprio a sostegno delle pubbliche relazioni. Nello specifico, ci si riferisce all’art. 98 del decreto n. 18/2020 che modifica il credito di imposta limitatamente al 2020. Infatti, se precedentemente era possibile scaricare solo fino al 30%  delle spese sostenute per le campagne pubblicitarie, da oggi è possibile scaricare il 50%. Questo bonus è rivolto alle PMI, lavoratori autonomi ed enti non commerciali. Nel bonus, sono inclusi tutti gli investimenti fatti per le PR partendo dai professionisti fino alle spese sulle campagne pubblicitarie ed editoriali (tv, radio e giornali). Nel mondo digital, in cui le evoluzioni sono all’ordine del giorno, è essenziale essere sempre pronti al cambiamento. Unire le tradizionali vie delle pubbliche relazioni ai mezzi digitali, garantisce un sicuro beneficio sia per le aziende che per i professionisti del settore.

Fonte dati: Talkwalker