Messenger (MSN per i veterani digitali) avrebbe compiuto 21 anni il 22 luglio, se fosse ancora attivo. Eppure, in un certo senso, lo è ancora. Ricordando il suo debutto, 22 luglio 1999, ripercorriamo storia ed evoluzione della messaggistica istantanea.

Da Windows a Skype, fino a Facebook messenger

In principio era Messenger. I più “navigati” nel mare del digitale ricorderanno il debutto del buon vecchio Messenger. Maggiormente noto con l’acronimo MSN, il primo sistema di messaggistica istantanea di massa è stato ideato e creato da Microsoft. Attivabile con un semplice account Microsoft, MSN poteva metterci in contatto con i nostri amici sia in singole chat, che chat di gruppo pubbliche.  Messenger di Microsoft, agli inizi, fu un tale successo da consentire anche la possibilità per ciascun utente di aprire un micro blog personale.

L’avvento di Facebook e Skype

Per MSN  pareva andare tutto a gonfie vele finché sul mondo del web non si affacciarono due nuove realtà digitali: Facebook e Skype. Benché nati con intenti differenti, sia il social di Mark Zuckerberg che il programma di video conferenza permettevano di mettersi in contatto con i propri amici e di messaggiare in apposite chat. Facendo entrare gli utenti in un mondo più vasto, sia Facebook che Skype iniziarono man mano a “rubare” utenti all’ormai classico Messenger. MSN, difatti, offriva inizialmente solo la possibilità di chattare. Solo più tardi venne introdotta la modalità “video chiamata”. Eppure si sa, nel mondo del digitale si “invecchia” prima del tempo.

L’app ufficiale di Facebook Messenger, fino alle “chat uniche”

Il dominio di Facebook è stato tale da permettere alla funzione chat di avere “vita” propria: nell’aprile del 2011 divenne un’applicazione a sé stante, sia per iOS che Android.
Da quel momento in poi, l’evoluzione di Facebook Messenger è stata continua, permettendo oggi di poter eseguire videochiamate e conferenze lavorative. L’acquisizione da parte di Facebook di WhatsApp, nel 2014, ha permesso oggi una completa evoluzione che culminerà nella futura unione della messaggistica Instagram, WhatsApp e Facebook in un ‘unica grande app. Questo sarà un ulteriore passo, dopo l’introduzione degli shopping in Facebook ed Instagram ed il passaggio in denaro tramite chat di WhatsApp. Questo aspetto ci racconta molto di quanto il mondo della messaggistica sia cambiato ed evoluto al contempo, portandoci oggi ad una ulteriore omologazione dei servizi.